TIOWETTING DF (Reg. n. 9724 del 03/09/1998)

TIOWETTING DF TIOWETTING DF  = Prodotti ammessi in agricoltura biologica

Fungicida a base di zolfo in microgranuli idrodispersibili. Meccanismo d'azione FRAC M2

Caratteristiche

Formulazione: microgranuli idrodispersibili

Numero di registrazione: 9724 (03/09/1998)

***NOTA*** (4) Preparato commerciale ri-registrato provvisoriamente fino al 31/12/2019 (Decreto 17 aprile 2013, GU n. 102 del 03/05/2013) ***NOTA*** (3) L'autorizzazione all'immissione in commercio e all'impiego del preparato è prorogata fino al 30/06/2013, in attesa di decreto di rinnovo o di revoca. Il preparato può essere commercializzato e impiegato fino a pronuncia definitiva. (Informazione fornita dall'azienda) . ***NOTA*** (2) L'autorizzazione all'immissione in commercio e all'impiego del preparato è prorogata fino al 31/12/2010, in attesa di decreto di rinnovo o di revoca. Il preparato può essere commercializzato e impiegato fino a pronuncia definitiva. (Decreto 13 agosto 2008, GU n. 212 del 10/09/2008) ***NOTA*** (1) L'autorizzazione all'immissione in commercio e all'impiego del preparato è prorogata fino al 31/12/2008, in attesa di decreto di rinnovo o di revoca. Il preparato può essere commercializzato e impiegato fino a pronuncia definitiva. (Decreto 14 marzo 2005, GU n. 72 del 29/03/2005)

Indicazione di pericolo:

Classificazione CLP:

  • NESSUN PITTOGRAMMA

Composizione

  • ZOLFO 80,00%

Registrazioni

in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio
    Dose su ettolitro: 200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, intervenendo alla prima comparsa dei sintomi.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio della Barbabietola da zucchero
    Dose su ettaro: 6-8 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, effettuando il primo trattamento alla comparsa di sintomi, i successivi ad intervalli di 15-20 giorni.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Mal bianco dell'Orzo
    Dose su ettaro: 6-8 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, intervenendo alla comparsa della malattia sulle ultime 2 foglie del culmo.
  • Oidio del Frumento
    Dose su ettaro: 6-8 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, intervenendo alla comparsa della malattia sulle ultime 2 foglie del culmo.
  • Oidio delle Graminacee
    Dose su ettaro: 6-8 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, intervenendo alla comparsa della malattia sulle ultime 2 foglie del culmo.
  • Oidio o mal bianco della Segale
    Dose su ettaro: 6-8 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, intervenendo alla comparsa della malattia sulle ultime 2 foglie del culmo.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Mal bianco (Sphaeroteca pannosa)
    Dose su ettolitro: 200-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Intervenire con una dose di 200-400 g/hl in pre e post-fioritura; alla dose di 400-600 g/hl nei trattamenti estivi di post-raccolta.
  • Oidio del Pesco
    Dose su ettolitro: 200-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Intervenire con una dose di 200-400 g/hl in pre e post-fioritura; alla dose di 400-600 g/hl nei trattamenti estivi di post-raccolta.
  • Oidio dell'Albicocco
    Dose su ettolitro: 200-600 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Intervenire con una dose di 200-400 g/hl in pre e post-fioritura; alla dose di 400-600 g/hl nei trattamenti estivi di post-raccolta.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio
    Dose su ettolitro: 150-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza:  
    Note: Intervenire ai primi sintomi della malattia.
in serra - produzione
Avversità
  • Oidio
    Dose su ettolitro: 150-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza:  
    Note: Intervenire ai primi sintomi della malattia.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio delle Forestali
    Dose su ettolitro: 150-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza:  
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, intervenendo ai primi sintomi della malattia.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio della Fragola
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, iniziando gli interventi alla prima manifestazione della malattia.
in serra - produzione
Avversità
  • Oidio della Fragola
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, iniziando gli interventi alla prima manifestazione della malattia.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio delle Forestali
    Dose su ettolitro: 300-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
  • Oidio o mal bianco del Nocciolo
    Dose su ettolitro: 300-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio dell'Olivo
    Dose su ettolitro: 200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, intervenendo alla prima comparsa dei sintomi.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio
    Dose su ettolitro: 150-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza:  
    Note: Intervenire ai primi sintomi della malattia.
in serra - produzione
Avversità
  • Oidio
    Dose su ettolitro: 150-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza:  
    Note: Intervenire ai primi sintomi della malattia.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Agente dell'oidio delle Cucurbitacee
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Mal bianco della Lagestroemia
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Mal bianco dell'Iperico
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Mal bianco dell'Orzo
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Cardo
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Cavolo
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Pisello
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Pomodoro
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Tabacco (Erisyphe cichoracearum)
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Tabacco (Erysiphe tabacina)
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio della Barbabietola da zucchero
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio della Begonia
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio della Carota
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio della Zucca
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio dell'Aster e della Cineraria
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Cucurbitacee
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Leguminose
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Leguminose (fagiolo)
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Ombrellifere
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Ornamentali
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Solanacee
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio o Mal bianco della Primula
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
in serra - produzione
Avversità
  • Agente dell'oidio delle Cucurbitacee
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Mal bianco della Lagestroemia
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Mal bianco dell'Iperico
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Mal bianco dell'Orzo
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Cardo
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Cavolo
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Pisello
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Pomodoro
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Tabacco (Erisyphe cichoracearum)
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio del Tabacco (Erysiphe tabacina)
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio della Barbabietola da zucchero
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio della Begonia
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio della Carota
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio della Zucca
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio dell'Aster e della Cineraria
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Cucurbitacee
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Leguminose
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Leguminose (fagiolo)
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Ombrellifere
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Ornamentali
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio delle Solanacee
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
  • Oidio o Mal bianco della Primula
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio delle Solanacee
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
in serra - produzione
Avversità
  • Oidio delle Solanacee
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi indicate, effettuando le prime applicazioni allorché insorgono i primi sintomi dell'infezione; impiegare i dosaggi più elevati nel periodo primaverile e nei momenti di maggiore pressione del patogeno.
in pieno campo - vivaio
Avversità
  • Mal bianco del Pioppo
    Dose su ettolitro: 200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
  • Oidio delle Forestali
    Dose su ettolitro: 200-400 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio del Cotogno
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Se si effettua il trattamento in pre-fioritura, impiegare il prodotto alla dose di 300-500 g/hl; se invece, il trattamento, viene effettuato in post-fioritura, impiegare il prodotto alla dose di 200-300 g/hl.
  • Oidio del Melo
    Dose su ettolitro: 200-500 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Se si effettua il trattamento in pre-fioritura, impiegare il prodotto alla dose di 300-500 g/hl; se invece, il trattamento, viene effettuato in post-fioritura, impiegare il prodotto alla dose di 200-300 g/hl.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio del Tabacco (Erisyphe cichoracearum)
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
  • Oidio del Tabacco (Erysiphe tabacina)
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
  • Oidio del Tabacco (Oidium tabaci)
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
  • Oidio dell'Aster e della Cineraria
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
  • Oidio delle Cucurbitacee
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
in serra - produzione
Avversità
  • Oidio del Tabacco (Erisyphe cichoracearum)
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
  • Oidio del Tabacco (Erysiphe tabacina)
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
  • Oidio del Tabacco (Oidium tabaci)
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
  • Oidio dell'Aster e della Cineraria
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
  • Oidio delle Cucurbitacee
    Dose su ettaro: 4-6 kg/Ha
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Oidio della Vite
    Dose su ettolitro: 200-1200 g/hl
    Intervallo di sicurezza: 5 gg
    Note: Intervenire con una dose di 200-400 g/hl, nelle zone a bassa pressione di oidio o nelle fasi di minore sensibilità al patogeno; 600-800 g/hl nelle zone ad alta pressione di oidio o nei momenti di maggior rischio di infezione. Nelle situazioni più critiche (infezioni iodiche in atto, andamento climatico particolarmente favorevole all'evolversi della malattia, ecc.) elevare il dosaggio fino a 1200 g/hl. Intervenire, di norma, ogni 7-8 gironi.

Ti potrebbero interessare anche

FITOSTIM ALGA

Concime organico azotato fluido - Estratto fluido di lievito contenente alghe brune.

  • 2 % Azoto organico
  • 10 % Carbonio organico di origine biologica
  • 50 % Sostanza organica con peso molecolare nominale <50 kDa

NATURAL BIO R

Concime organo-minerale NPK (CaO) (MgO) (SO3)

  • 4 % Azoto
    • 4 % Azoto organico
  • 5 % Anidride fosforica
    • 5 % Anidride fosforica solubile in acidi minerali (di cui almeno il 55% del titolo dichiarato)
  • 8 % Ossido di potassio
  • 13 % Anidride solforica
  • 3 % Ossido di magnesio
  • 15 % Carbonio organico

ALBENE (Reg. n. 206 del 20/11/1971)

Insetticida a base di olio di paraffina.

  • olio minerale 78,10% (= 654,00 g/L)

In primo piano

SCAM, la nuova insegna capeggia sullo stabilimento di Modena

Video

Pomodori concimati totalmente Scam: Alta Produzione, Sostenibilità e Residuo Zero