MEXIL R FLOW (Reg. n. 17531 del 17/04/2020)

MEXIL R FLOW

Fungicida antiperonosporico sistemico per vite, patata e pomodoro. M-Metalaxil FRAC 4 gruppo A1 (RNA polimerasi I). Rame sotto forma di idrossido FRAC M1 (attività di contatto multisito).

Caratteristiche

Formulazione: sospensione concentrata

Numero di registrazione: 17531 (17/04/2020)

Indicazione di pericolo:

Classificazione CLP:

  • GHS05-A
  • GHS07-A
  • GHS09-A
  • PERICOLO

Composizione

  • METALAXIL-M 2,26% (= 28,50 g/L)
  • RAME - IDROSSIDO DI RAME 17,06% (= 215,00 g/L)

Registrazioni

in pieno campo - produzione
Avversità
  • Marciume molle
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume molle batterico delle Cactacee
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume nero
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Azione collaterale
  • Peronospora della Patata e del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi ed i volumi indicati, iniziando i trattamenti a partire dalla pre-fioritura e fino all’inizio della maturazione dei frutti, eseguendo i trattamenti ad intervalli di 7-10 giorni (BBCH 29-81). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo d’acqua sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione. Mantenere sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendentemente dai volumi d’acqua utilizzati. Effettuare un massimo di 3 applicazioni all’anno. Si consiglia di utilizzare il prodotto in un programma di gestione del rischio di insorgenza di resistenza. Si consiglia l’utilizzo di fenilammidi (gruppo FRAC: 4) su base preventiva. Si raccomanda di non superare 4 applicazioni annuali di prodotti a base di fenilammidi. Attenersi strettamente alle indicazioni di etichetta per quanto riguarda modalità, dosi ed intervalli di applicazione. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo applicato medio di 4 kg/ha di rame all'anno.
in serra - produzione
Avversità
  • Marciume molle
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume molle batterico delle Cactacee
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume nero
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Azione collaterale
  • Peronospora della Patata e del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi ed i volumi indicati, iniziando i trattamenti a partire dalla pre-fioritura e fino all’inizio della maturazione dei frutti, eseguendo i trattamenti ad intervalli di 7-10 giorni (BBCH 29-81). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo d’acqua sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione. Mantenere sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendentemente dai volumi d’acqua utilizzati. Effettuare un massimo di 3 applicazioni all’anno. Si consiglia di utilizzare il prodotto in un programma di gestione del rischio di insorgenza di resistenza. Si consiglia l’utilizzo di fenilammidi (gruppo FRAC: 4) su base preventiva. Si raccomanda di non superare 4 applicazioni annuali di prodotti a base di fenilammidi. Attenersi strettamente alle indicazioni di etichetta per quanto riguarda modalità, dosi ed intervalli di applicazione. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo applicato medio di 4 kg/ha di rame all'anno.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Avvizzimento batterico del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume anulare della Patata
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume molle
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume molle batterico delle Cactacee
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale
  • Peronospora della Patata e del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi ed i volumi indicati, iniziando i trattamenti durante la fase di allungamento dello stelo principale (quando la vegetazione copre il 60% della superficie esposta del terreno) e fino alla fine dell’accrescimento dei tuberi, eseguendo le applicazioni ad intervalli di 7-10 giorni (BBCH 36-81). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo d’acqua sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione. Mantenere sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendente dai volumi d’acqua utilizzati. Effettuare un massimo di 3 applicazioni all’anno. Si consiglia di utilizzare il prodotto in un programma di gestione del rischio di insorgenza di resistenza. Si consiglia l’utilizzo di fenilammidi (gruppo FRAC: 4) su base preventiva. Si raccomanda di non superare 4 applicazioni annuali di prodotti a base di fenilammidi. Attenersi strettamente alle indicazioni di etichetta per quanto riguarda modalità, dosi ed intervalli di applicazione. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo applicato medio di 4 kg/ha di rame all'anno.
in serra - produzione
Avversità
  • Avvizzimento batterico del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume anulare della Patata
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume molle
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume molle batterico delle Cactacee
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Azione collaterale
  • Peronospora della Patata e del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 21 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi ed i volumi indicati, iniziando i trattamenti durante la fase di allungamento dello stelo principale (quando la vegetazione copre il 60% della superficie esposta del terreno) e fino alla fine dell’accrescimento dei tuberi, eseguendo le applicazioni ad intervalli di 7-10 giorni (BBCH 36-81). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo d’acqua sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione. Mantenere sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendente dai volumi d’acqua utilizzati. Effettuare un massimo di 3 applicazioni all’anno. Si consiglia di utilizzare il prodotto in un programma di gestione del rischio di insorgenza di resistenza. Si consiglia l’utilizzo di fenilammidi (gruppo FRAC: 4) su base preventiva. Si raccomanda di non superare 4 applicazioni annuali di prodotti a base di fenilammidi. Attenersi strettamente alle indicazioni di etichetta per quanto riguarda modalità, dosi ed intervalli di applicazione. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo applicato medio di 4 kg/ha di rame all'anno.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Avvizzimento batterico del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Azione collaterale
  • Cancro batterico del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Azione collaterale
  • Maculatura batterica
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume nero
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Azione collaterale
  • Midollo nero
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Azione collaterale
  • Peronospora della Patata e del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi ed i volumi indicati, iniziando i trattamenti a partire dalla pre-fioritura e fino all’inizio della maturazione dei frutti, eseguendo i trattamenti ad intervalli di 7-10 giorni (BBCH 29-81). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo d’acqua sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione. Mantenere sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendentemente dai volumi d’acqua utilizzati. Effettuare un massimo di 3 applicazioni all’anno. Si consiglia di utilizzare il prodotto in un programma di gestione del rischio di insorgenza di resistenza. Si consiglia l’utilizzo di fenilammidi (gruppo FRAC: 4) su base preventiva. Si raccomanda di non superare 4 applicazioni annuali di prodotti a base di fenilammidi. Attenersi strettamente alle indicazioni di etichetta per quanto riguarda modalità, dosi ed intervalli di applicazione. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo applicato medio di 4 kg/ha di rame all'anno.
  • Picchiettatura batterica
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 10 gg
    Note: Azione collaterale
in serra - produzione
Avversità
  • Avvizzimento batterico del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Azione collaterale
  • Cancro batterico del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Azione collaterale
  • Maculatura batterica
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Azione collaterale
  • Marciume nero
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Azione collaterale
  • Midollo nero
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Azione collaterale
  • Peronospora della Patata e del Pomodoro
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi ed i volumi indicati, iniziando i trattamenti a partire dalla pre-fioritura e fino all’inizio della maturazione dei frutti, eseguendo i trattamenti ad intervalli di 7-10 giorni (BBCH 29-81). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo d’acqua sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione. Mantenere sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendentemente dai volumi d’acqua utilizzati. Effettuare un massimo di 3 applicazioni all’anno. Si consiglia di utilizzare il prodotto in un programma di gestione del rischio di insorgenza di resistenza. Si consiglia l’utilizzo di fenilammidi (gruppo FRAC: 4) su base preventiva. Si raccomanda di non superare 4 applicazioni annuali di prodotti a base di fenilammidi. Attenersi strettamente alle indicazioni di etichetta per quanto riguarda modalità, dosi ed intervalli di applicazione. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo applicato medio di 4 kg/ha di rame all'anno.
  • Picchiettatura batterica
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 3 gg
    Note: Azione collaterale
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Mal nero della Vite
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 28 gg
    Note: Azione collaterale
  • Peronospora della Vite
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 28 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi ed i volumi indicati, eseguendo i trattamenti ad intervalli di 12-14 giorni a partire dalla fase di allegagione a quella di invaiatura (BBCH 71-83). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo d’acqua sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione. Mantenere sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendente dai volumi d’acqua utilizzati. Effettuare un massimo di 2 applicazione all’anno. Si consiglia di utilizzare il prodotto in un programma di gestione del rischio di insorgenza di resistenza. Si consiglia l’utilizzo di fenilammidi (gruppo FRAC: 4) su base preventiva. Si raccomanda di non superare 4 applicazioni annuali di prodotti a base di fenilammidi. Attenersi strettamente alle indicazioni di etichetta per quanto riguarda modalità, dosi ed intervalli di applicazione. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo applicato medio di 4 kg/ha di rame all'anno.
in serra - produzione
Avversità
  • Mal nero della Vite
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 28 gg
    Note: Azione collaterale
  • Peronospora della Vite
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 28 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi ed i volumi indicati, eseguendo i trattamenti ad intervalli di 12-14 giorni a partire dalla fase di allegagione a quella di invaiatura (BBCH 71-83). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo d’acqua sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione. Mantenere sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendente dai volumi d’acqua utilizzati. Effettuare un massimo di 2 applicazione all’anno. Si consiglia di utilizzare il prodotto in un programma di gestione del rischio di insorgenza di resistenza. Si consiglia l’utilizzo di fenilammidi (gruppo FRAC: 4) su base preventiva. Si raccomanda di non superare 4 applicazioni annuali di prodotti a base di fenilammidi. Attenersi strettamente alle indicazioni di etichetta per quanto riguarda modalità, dosi ed intervalli di applicazione. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo applicato medio di 4 kg/ha di rame all'anno.
in pieno campo - produzione
Avversità
  • Mal nero della Vite
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 28 gg
    Note: Azione collaterale
  • Peronospora della Vite
    Dose su ettaro: 3,5 l/Ha
    Intervallo di sicurezza: 28 gg
    Note: Applicare il prodotto, seguendo le dosi ed i volumi indicati, eseguendo i trattamenti ad intervalli di 12-14 giorni a partire dalla fase di allegagione a quella di invaiatura (BBCH 71-83). Per la distribuzione del prodotto impiegare un quantitativo d’acqua sufficiente ad assicurare la buona copertura della vegetazione. Mantenere sempre il quantitativo di prodotto per ettaro indipendente dai volumi d’acqua utilizzati. Effettuare un massimo di 2 applicazione all’anno. Si consiglia di utilizzare il prodotto in un programma di gestione del rischio di insorgenza di resistenza. Si consiglia l’utilizzo di fenilammidi (gruppo FRAC: 4) su base preventiva. Si raccomanda di non superare 4 applicazioni annuali di prodotti a base di fenilammidi. Attenersi strettamente alle indicazioni di etichetta per quanto riguarda modalità, dosi ed intervalli di applicazione. Al fine di ridurre al minimo il potenziale accumulo nel suolo e l'esposizione per gli organismi non bersaglio tenendo conto al contempo delle condizioni agroclimatiche, non superare l'applicazione cumulativa di 28 kg/ha di rame nell'arco di 7 anni. Si raccomanda di rispettare il quantitativo applicato medio di 4 kg/ha di rame all'anno.

In primo piano

 Scarica i Piani di Concimazione

Video

Concimare con un fosforo disponibile per le piante è possibile
con il FOSFOUMATO SCAM.