torna all'elenco

Protezione

MEXIL ORO MZ WG

Fungicida specifico per la lotta contro la peronospora della vite, del pomodoro e della patata.
Caratteristiche

Formulazione: granuli idrodispersibili

Indicazione di pericolo:

  • Tossicologica: Clp - banca dati in aggiornamento

Numero di registrazione: 13547 (07/02/2007)

***NOTA*** Preparato commerciale ri-registrato fino al 31/01/2018. (Decreto 2 dicembre 2013, GU n. 12 del 16/01/2014)

Composizione
MANCOZEB 64,00%
METALAXIL-M 3,90%
Altri materiali

Per scaricare i materiali in pdf occorre essere registrati. Se sei già registrato inserisci username e password sopra, altrimenti registrati qui!

> Scarica PDF Etichetta aziendale

> Scarica PDF Pagina catalogo [18/05/2018]

> Scarica PDF Scheda di sicurezza [31/10/2017]

Registrazioni
Patata / Pomodoro / Vite per uva da tavola / Vite per uva da vino /
Colture Intervallo di sicurezza Malattia / Dose / Note
Patata 21 gg
  • Peronospora della Patata e del Pomodoro (2,5 kg/Ha|250 g/hl) - Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, effettuando il 1° trattamento non appena si verificano le condizioni sufficienti a promuovere l'infezione primaria. Eseguire al massimo 4 trattamenti a cadenza di 10 giorni l'uno dall'altro. Se si effettuano volumi d'irrorazione inferiori al volume indicato, mantenere la dose massima per ha. Adattare quantitativi d'acqua adeguati ad una completa ed omogenea bagnatura delle colture trattate, evitando lo sgocciolamento della vegetazione. Avvertenza: qualora si verificasse una non efficacia del trattamento determinata dalla selezione di ceppi resistenti alle fenillamidi, sospendere l'impiego del prodotto e sostituirlo con un fungicida di copertura.
Pomodoro 7 gg
  • Peronospora della Patata e del Pomodoro (2,5 kg/Ha|250 g/hl) - Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, effettuando il 1° trattamento non appena si verificano le condizioni sufficienti a promuovere l'infezione primaria. Eseguire al massimo 4 trattamenti a cadenza di 7 giorni l'uno dall'altro. Se si effettuano volumi d'irrorazione inferiori al volume indicato, mantenere la dose massima per ha. Adattare quantitativi d'acqua adeguati ad una completa ed omogenea bagnatura delle colture trattate, evitando lo sgocciolamento della vegetazione. Avvertenza: qualora si verificasse una non efficacia del trattamento determinata dalla selezione di ceppi resistenti alle fenillamidi, sospendere l'impiego del prodotto e sostituirlo con un fungicida di copertura.
Vite per uva da tavola 28 gg
  • Peronospora della Vite (2,5 kg/Ha|250 g/hl) - Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, effettuando il 1° trattamento non appena si verificano le condizioni sufficienti a promuovere l'infezione primaria. Eseguire al massimo 4 trattamenti a cadenza di 10 giorni l'uno dall'altro. Se si effettuano volumi d'irrorazione inferiori al volume indicato, mantenere la dose massima per ha. Adattare quantitativi d'acqua adeguati ad una completa ed omogenea bagnatura delle colture trattate, evitando lo sgocciolamento della vegetazione. Sulla coltura è opportuno, specie in condizioni particolarmente favorevoli al patogeno, ridurre ulteriormente l'intervallo tra l'ultimo trattamento con il prodotto ed il trattamento successivo, proseguendo la difesa con fungicidi a differente meccanismo d'azione (strobilurine, rameici, ecc.). Avvertenza: qualora si verificasse una non efficacia del trattamento determinata dalla selezione di ceppi resistenti alle fenillamidi, sospendere l'impiego del prodotto e sostituirlo con un fungicida di copertura. Non impiegare il prodotto sulla coltura in vivaio.
Vite per uva da vino 28 gg
  • Peronospora della Vite (2,5 kg/Ha|250 g/hl) - Applicare il prodotto, seguendo la dose indicata, effettuando il 1° trattamento non appena si verificano le condizioni sufficienti a promuovere l'infezione primaria. Eseguire al massimo 4 trattamenti a cadenza di 10 giorni l'uno dall'altro. Se si effettuano volumi d'irrorazione inferiori al volume indicato, mantenere la dose massima per ha. Adattare quantitativi d'acqua adeguati ad una completa ed omogenea bagnatura delle colture trattate, evitando lo sgocciolamento della vegetazione. Sulla coltura è opportuno, specie in condizioni particolarmente favorevoli al patogeno, ridurre ulteriormente l'intervallo tra l'ultimo trattamento con il prodotto ed il trattamento successivo, proseguendo la difesa con fungicidi a differente meccanismo d'azione (strobilurine, rameici, ecc.). Avvertenza: qualora si verificasse una non efficacia del trattamento determinata dalla selezione di ceppi resistenti alle fenillamidi, sospendere l'impiego del prodotto e sostituirlo con un fungicida di copertura. Non impiegare il prodotto sulla coltura in vivaio.

Usare i prodotti fitosanitari con precauzione. Prima dell'uso leggere sempre l'etichetta e le informazioni sul prodotto.

Privacy policy   -   Informativa Privacy   -   Cookie policy


Powered by Image Line®